DAL PASSATO

Le canzoni che compiono 30 anni nel 2023

Musica dance, musica rock, musica hip-hop: gli anni Novanta sono stati veramente davvero eterogenei e proficui dal punti di vista musicale.

E lo testimoniano anche le canzoni che nel 1993 avevano più successo: sono ormai passati trenta anni, ma molti di questi bellissimi brani li ascoltiamo ancora, tanto in radio quanto per esempio in discoteca.

Ecco alcune delle canzoni più famose che nel 2023 compiranno trenta anni dal momento in cui sono stati pubblicati come singoli in radio: li ricordavi tutti?

Getty Images
Le canzoni che nel 2023 compiono 30 anni
Musica dance, musica rock, musica hip-hop: gli anni novanta sono stati molto eterogenei e proficui dal punto di vista musicale. E lo testimoniano anche le canzoni che nel 1993 avevano più successo: sono ormai passati trenta anni, ma molti di questi brani li ascoltiamo ancora, tanto in radio quanto per esempio in discoteca. Ecco alcune delle canzoni più famose che nel 2023 compiranno trenta anni dal momento in cui sono state pubblicate come singoli in radio.
Getty Images
Linger - The Cranberries (pubblicazione: 15 febbraio 1993)
Linger fa parte dell'album d'esordio della band irlandese, chiamato Everybody Else Is Doing It, So Why Can't We?. La canzone è stata inserita all'ottantaseiesimo posto nella classifica delle più belle canzoni degli anni Novanta, stilata da VH1. 
Getty Images
I Have Nothing - Whitney Houston (pubblicazione: 20 febbraio 1993)
I Have Nothing è il terzo singolo estratto dalla colonna sonora del fortunato film The Bodyguard con protagonista proprio Whitney Houston assieme a Kevin Costner. Il video della canzone è simile a quello della celebre I Will Always Love You e mostra la Houston esibirsi in una grande sala da concerti in un albergo. 
Getty Images
Everybody Hurts - R.E.M. (pubblicazione: 5 aprile 1993)
Everybody Hurts è estratta dall'ottavo album in studio dei R.E.M., denominato Automatic for the People. In poco tempo, questo brano è diventato un inno alla vita, un invito ad avere coraggio per chi si sente deluso e per chi pensa di non farcela. Molti, infatti, interpretano questa canzone come un inno contro il suicido. 
Getty Images
What is Love - Haddaway (pubblicazione: 8 maggio 1993)
Registrato in Germania nel 1993, il singolo è tra i più popolari degli anni Novanta ed è rientrato in classifica nel 1998, dopo essere stato utilizzato nel popolare show statunitense Saturday Night Live e nella colonna sonora del film A Night at the Roxbury. La canzone ha raggiunto la posizione numero uno in ben tredici paesi, ma negli Stati Uniti si è fermata alla posizione numero 11. 
Getty Images
(I Can't Help) Falling in Love with You - UB40 (pubblicazione: 10 maggio 1993)
La versione originale di questa canzone è quella di Elvis Presley risalente al 1961, ma la cover degli UB40, pubblicata trenta anni fa, ha avuto tantissimo successo. Rispetto al brano originale, quello degli UB40 è in versione reggae: la cover ha raggiunto la posizione numero uno della Billboard 100, rimanendoci per ben sette settimane. 
Getty Images
If I Ever Lose My Faith in You - Sting (pubblicazione: 1 giugno 1993)
Questa canzone fa parte del quarto album da solista di Sting, chiamato Ten Summoner's Tales: dallo stesso album sono stati estratti altri due brani di successo come Fields of Gold e Shape of My Heart. If I Ever Lose My Faith in You ha permesso a Sting di vincere un Grammy Award nella categoria Miglior Interpretazione vocale maschile. 
Getty Images
What's Up? - 4 Non Blondes (pubblicazione: 11 giugno 1993)
A dispetto del titolo, il testo del brano non contiene la frase "What's Up?", bensì "What's Going On?" ripetuta più volte durante il ritornello: tuttavia, non si utilizzò questa frase come titolo per evitare confusione con l'omonimo e celebre brano di Marvin Gaye. La canzone è stata eseguita due volte da Lady Gaga ed è anche stata campionata nel 2011 da Ariana Grande. 
Getty Images
Cryin' - Aerosmith (pubblicazione: 20 giugno 1993)
Cryin' venne pubblicata nell'estate del 1993 e il suo successo permise all'album Get a Grip di risalire nella classifica delle vendite. Il video musicale di Cryin' è il primo a vedere la partecipazione dell'attrice Alicia Silverstone, che apparirà anche nei due successivi video del gruppo (Amazing e Crazy). 
Getty Images
I'd Do Anything for Love (But I Won't Do That) - Meat Loaf (pubblicazione: 30 agosto 1993)
I'd Do Anything for Love (But I Won't Do That) ha ricevuto un Grammy Award come miglior interpretazione vocale rock solista. Il videoclip del brano è stato diretto da Michael Bay ed è stato girato in California: nel video, Meat Loaf interpreta la parte della Bestia ispirandosi alla famosa fiaba europea. 
Getty Images
Please Forgive Me - Bryan Adams (pubblicazione: 15 ottobre 1993)
Please Forgive Me è estratta dal primo Greatest Hits di Bryan Adams . Il videoclip è stato trasmesso per la prima volta nell'ottobre 1993 e mostra Adams mentre registra il brano in uno studio in cui è presente anche un cane, lo stesso mostrato nella copertina del singolo.
Getty Images
Hero - Mariah Carey (pubblicazione: 18 ottobre 1993)
Hero è un incoraggiamento a reputarsi eroi in considerazione della propria forza interiore, anche se a volte ci si sente scoraggiati o tristi. La canzone ha raggiunto la prima posizione della classifica Billboard 100 ed ebbe grande successo commerciale a livello internazionale, ottenendo in totale 6 dischi di platino. 
Screenshot Videoclip
The Rhythm of the Night - Corona (pubblicazione: 5 novembre 1993)
Pubblicata in anteprima per il mercato italiano e poi nel resto del mondo, The Rhythm of the Night è uno dei brani più rappresentativi della eurodance, nonché degli anni Novanta in generale. Nel 2013 la band britannica Bastille ha inciso un mash-up tra questa canzone e Rhythm Is a Dancer degli Snap!. Nel 2019, invece, The Rhythm of the Night è stata campionata per il brano Ritmo (Bad Boys for Life) dei Black Eyed Peas e di J Balvin. 
Informativa ai sensi della Direttiva 2009/136/CE: questo sito utilizza solo cookie tecnici necessari alla navigazione da parte dell'utente in assenza dei quali il sito non potrebbe funzionare correttamente.